Come risparmiare sulla bolletta della luce

Quali sono i metodi per risparmiare sulla bolletta della luce? Con qualche semplice accortezza – e un po’ di costanza e olio di gomito – potrete abbassare i costi e dare respiro non solo al vostro portafogli, ma anche all’ambiente, rispettando di più l’ecologia.

Come ottimizzare i costi in bolletta e rispettare l’ambiente

Il primo passo per capire come poter ottimizzare la spesa in bolletta, senza dubbio, è consultare i servizi del vostro fornitore di energia elettrica. Soprattutto per alcuni elettrodomestici, come la lavatrice, potrete scegliere le fasce orarie più convenienti: in genere, si tratta delle ore serali, quando il costo dell’energia è inferiore.

Il secondo modo per assicurarvi di azzerare il più possibile gli sprechi è quello di scegliere dispositivi con classe energetica alta per cui, tra l’altro, è possibile ottenere incentivi statali. Se state ristrutturando la vostra abitazione potrete usufruire del Bonus mobili: con le leggi in vigore, infatti, è possibile un risparmio del 50% su una spesa massima di 10mila euro per l’acquisto di elettrodomestici con classe energetica A+ (A per i forni). Controllate le caratteristiche tecniche di condizionatori, pompe di calore, lavatrici o altri elettrodomestici che state per installare e vedrete un cospicuo risparmio in bolletta.

Come risparmiare sui consumi di energia elettrica

Spegnere i dispositivi. Non lasciate televisori e computer in standby: ricordate che la spia led che rimane accesa consuma ogni giorno una piccola quantità di energia che si trasformerà in circa un centinaio di euro in più in bolletta a fine anno. Un suggerimento? Leggete il prossimo punto.

Usare le multiprese. Per evitare dispendi energetici e bolletta alta, collegate i vostri dispositivi alle classiche ciabatte multiprese con interruttore. In questo modo, con un solo click, sarà più facile non lasciare accesi o in standby gli elettrodomestici che non utilizzate.

Scegliere lampadine a basso consumo.

Niente spifferi: ottimizzate la coibentazione. Un buon isolamento termico, senza inutili dispersioni di calore, eviterà gli sprechi energetici legati all’utilizzo del vostro sistema di refrigerazione o di riscaldamento.

Scaldabagno e pompa di calore ad hoc. A seconda della stagione, è consigliabile impostare la temperatura in base alle reali esigenze climatiche. Per l’inverno, ad esempio, potete regolare l’impianto sui 60°C, mentre d’estate 40°C saranno sufficienti.

Manutenzione ordinaria. Può sembrare banale, ma procedere a una regolare pulizia dei vostri elettrodomestici non solo sarà un’ottima abitudine per l’igiene della casa, ma migliorerà le rispettive prestazioni e ovvierà al problema degli sprechi energetici. Pulire il filtro del condizionatore in maniera regolare, per esempio, sarà molto conveniente non solo per il vostro portafogli, ma anche per rispettare maggiormente l’ambiente, evitando inutili sprechi energetici.