Pannelli solari: come si fa la manutenzione?

L’installazione dei pannelli solari è uno dei modi più green per accumulare energia pulita e riutilizzarla per riscaldare gli ambienti delle nostre case. Ma come si procede per la manutenzione? Ecco i metodi corretti per occuparvi al meglio del vostro impianto fotovoltaico e fare in modo, così, che l’efficienza sia ottimale e il risparmio economico ed energetico ai massimi livelli.

La manutenzione dei pannelli solari: come procedere?

Nonostante inizialmente il costo scoraggiasse gli acquisti dei pannelli solari, grazie alle detrazioni fiscali indette dal governo e ai risultati in fatto di risparmio energetico delle nuove tecnologie, ora cominciano a sorgere regolarmente pannelli sui tetti italiani. Senza contare che sempre più aziende utilizzano un sistema di pannelli fotovoltaici da terra per alimentare con energia pulita le proprie attività. Ecco come procedere per una efficiente manutenzione dei vostri impianti.

Controllo del funzionamento. La prima cose da fare è capire se la resa dei vostri pannelli solari sia ottimale: confrontate i dati della centralina dell’impianto che avete installato con quelli presenti sul sito web di riferimento o chiamando il tecnico che si è premurato del lavoro di installazione. Ricordatevi che la produttività potrebbe essere soggetta alle condizioni climatiche in cui sorge la vostra casa: per inquinamento, ad esempio, potreste registrare anche un 25% in meno.

Sopralluogo per controllare lo stato dei pannelli. Se avete notato che la resa del vostro impianto fotovoltaico non è delle migliori, meglio fare un sopralluogo e controllare visivamente lo stato dei materiali. Se abitate in zone marittime, cercate di visionare lo stato dei pannelli mensilmente, poiché la salsedine, trasportata dal vento, potrebbe intaccare e incrostare maggiormente. Stesso discorso se abitate in montagna: grandi nevicate possono ostacolare l’assorbimento dell’energia solare, così come se sopra l’impianto si affacciano alberi frondosi, che possono rilasciare non solo foglie, ma anche resine. Attenzione: se il vostro impianto è da terra non avrete grossi problemi, ma se, come nella maggior parte dei casi, si trova sul tetto, prestate molta attenzione nella salita: è preferibile agire da soli solo se avete installato un sistema anti-caduta con imbragatura di sicurezza per procedere alla pulizia e alla manutenzione.

Pulizia dei pannelli solari. Infine, ecco come pulire i vostri pannelli solari una volta che ne avrete constatato lo stato. Escrementi di volatili, piogge acide, inquinamento, salsedine, fogliame e resine possono ostacolare l’assorbimento dell’energia solare, dunque dovete procedere alla pulizia. È molto importante non utilizzare prodotti aggressivi, né spugnette abrasive: un panno in microfibra o una scopa telescopica a setole morbie andranno benissimo. Per detergere, dunque, usate un vaporizzatore con acqua tiepida mineralizzata e poche gocce di detersivo delicato per i vetri. Asciugate in maniera perfetta: non lasciate aloni.