Il riscaldamento a pavimento e i suoi vantaggi

Il riscaldamento a pavimento può rappresentare una valida alternativa per rendere più confortevole l'ambiente di casa. Uno degli aspetti importanti che si valutano prima dell’acquisto o della costruzione di una casa, infatti, è l’impianto di riscaldamento. Per la maggior parte delle case, il riscaldamento è affidato ai tradizionali termosifoni che diffondono il calore grazie alla convezione, anche se negli ultimi anni si assiste ad un ritorno del riscaldamento a pavimento che sfrutta la diffusione del calore per irraggiamento. Questo genere di impianti viene principalmente concepito nelle case di nuova costruzione.

La maggiore diffusione di questo sistema di riscaldamento si é avuta intorno agli anni '50 e '60, ma fu gradualmente abbandonato in quanto provocava problemi di salute, tra i quali gonfiori alle gambe e continui mal di testa. Queste problematiche erano determinati dalle alte temperature che il pavimento raggiungeva. Grazie all’utilizzo di nuovi materiali e di nuove tecnologie, questi inconvenienti sono stati eliminati, consentendo di ottenere una temperatura costante e piacevole, rendendo confortevole l’ambiente domestico.


Come è fatto un sistema di riscaldamento a pavimento

Il sistema è costituito, nel caso di impianti ad acqua a circuito chiuso, da un insieme di tubazioni, o da impianti elettrici costituiti da una serie di resistenze elettriche. In entrambi i casi, il sistema è disposto sotto il pavimento e sistemato sopra dei pannelli isolanti. É così in grado di emettere un calore di tipo uniforme dal basso verso l’alto. Molto di frequente capita di avere a che fare con riscaldamenti ad acqua che possono essere alimentati da una caldaia, da una caldaia a pallet o da una pompa di calore. Senza considerare le energie rinnovabili: l’impianto in effetti può essere messo in funzione anche grazie ad impianti fotovoltaici o solari termici. La caratteristica distintiva e principale per le varie tecnologie è solo una: assicurare una distribuzione ottimale del calore in tutte le stanze.

Quali sono i vantaggi di un riscaldamento a pavimento


Il vantaggio principale è quello del calore che si diffonde in modo omogeneo da terra fino al soffitto. I sistemi di riscaldamento tradizionali non garantiscono queste performance e tendono a concentrare il calore nelle zone più vicine alla fonte di emissione, come ad esempio il termosifone. La casa sarà quindi riscaldata in modo uniforme aumentando e migliorando la condizione di benessere all’interno dell’abitazione.


Tra le tante caratteristiche, quella più interessante ed eco-friendly di questo particolare sistema di riscaldamento, è quella di poter funzionare e rendere al meglio anche con basse temperature dell’acqua, contrariamente a quanto accade con i termosifoni. L’acqua di un impianto di riscaldamento a pavimento ha infatti una temperatura di funzionamento compresa tra i 30 e i 40°C. Come termine di paragone basti pensare che quella fornita dai tradizionali impianti a radiatori e caldaia può arrivare fino a 70°C. Anche gli impianti a pavimento elettrici funzionano alle stesse temperature di quelli ad acqua.