Detrazioni fiscali per la casa 2018: tutte le novità della Legge

È stata finalmente approvata la nuova Legge di Bilancio 2018, che va a definire in maniera dettagliata tutte le detrazioni fiscali riguardo gli interventi edilizi sulle nostre abitazioni. Ecco un breve riassunto dei bonus, alcuni dei quali sono stati leggermente modificati.

Legge di Bilancio 2018: ecco tutti gli sconti per la casa

Ci sono voluti diversi mesi e proposte di emendamenti prima di raggiungere il testo definitivo della Legge di Bilancio 2018: i dettagli sugli sconti Irpef da detrarre in caso di interventi edilizi seguiranno, finalmente, regole precise che, in parte, sono state modificate. Prima di tutto, parliamo dell’Ecobonus 2018, uno dei punti più discussi di questa Finanziaria: se fino al 31 dicembre 2017 le detrazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica sugli edifici erano del 65%, ora questa percentuale di sconto Irpef viene abbassata in alcune casistiche particolari. Secondo il testo della nuova Legge, in effetti, sono stati presi provvedimenti di riduzione delle agevolazioni, ma non in maniera così totalizzante come era stato preventivato in fase iniziale. L’Ecobonus, dunque, rimarrà intatto per tutti gli interventi che vertono a migliorare la qualità in fatto di produzione e preservazione dell’energia della nostra abitazione, salvo i casi riguardanti infissi, pannelli solari e caldaie. Nei primi due casi, la detrazione fiscale sarà del 50% – proprio come quella per le ristrutturazioni standard – mentre per l’acquisto e l’installazione di nuove caldaie ricadono sotto il 65% di sconto soltanto i modelli con classe energetica uguale o superiore alla A, avvalorati da sistemi di termoregolazione innovativi, come le valvole termostatiche. In tutti gli altri casi, le agevolazioni saranno, appunto, pari a 15 punti percentuali in meno, mentre non sarà prevista alcuna detrazione per impianti inferiori alla massima classe di riferimento. Ancora una specifica per quanto riguarda l’Ecobonus: in caso i lavori effettuati sulle abitazioni siano contestuali a interventi sulla struttura dell’edificio, tali da migliorarne la sicurezza in caso di terremoto, allora il Sisma Bonus, confermato in ogni sua parte, può salire fino all’85% di sconto Irpef. Infine, come abbiamo già ricordato, con la nuova Finanziaria verranno garantite le detrazioni fiscali del 50% sulle ristrutturazioni fino a un massimo di 96mila di spesa e anche il Bonus Mobili, in caso di acquisto di grandi elettrodomestici all’interno di abitazioni sotto lavori dal 1° gennaio 2018. Questi interventi, dunque, hanno ottenuto una proroga fino al 31 dicembre 2018, un anno che vedrà, per la prima volta, anche l’applicazione del Bonus Verde. Di che cosa si tratta? Fino a un massimo di 5mila euro di spesa, in caso di sistemazione e migliorie delle zone verdi, sia private che pubbliche, sia singole che a livello condominiale, i cittadini italiani potranno usufruire di una detrazione fiscale del 36%.