Condizionatore contro le allergie: funziona davvero?

Condizionatore contro le allergie

Chi sceglie un condizionatore, lo fa in genere per ottenere un efficace raffrescamento degli ambienti di casa nel periodo estivo. Quello che a volte si ignora, è il grande potenziale di un prezioso strumento di benessere. Per esempio, lo sapevi che un condizionatore di qualità aiuta a filtrare l’aria dalle sostanze nocive e dagli allergeni, donando sollievo a coloro che soffrono di allergie? Scopriamo insieme come e perché!

Condizionatore contro le allergie: funziona davvero?

Avete capito bene: il condizionatore non si limita a modificare la temperatura dell’ambiente, ma attraverso i suoi filtri può effettuare un’importante operazione di pulizia dell’aria. Il condizionatore rimuove fino all’80% di pollini, germi, polvere, spore e particelle allergeniche presenti nell’ambiente di casa. In questo modo le sostanze nocive rimangono intrappolate all’interno del filtro, permettendo a chi soffre di problemi di respirazione o di allergie di vivere meglio gli ambienti, senza doversi preoccupare.

Alcuni impianti di condizionamento o climatizzazione dell’aria utilizzano sistemi innovativi che sfruttano le particelle ionizzate, responsabili dell’eliminazione di micro-organismi quali batteri e virus, al fine di eliminare efficacemente gli agenti allergici. Questi sistemi di purificazione dell’aria rimuovono batteri, muffe, pollini e polveri, abbattendo drasticamente le più comuni cause di allergia che tanto ci fanno penare durante le belle stagioni.

Un altro fattore da tenere in alta considerazione nel momento in cui si decide di acquistare un condizionatore, è un sistema di verifica e monitoraggio dell’umidità. Questi strumenti tendono infatti a eliminarla completamente, causando problemi di mal di gola e pelle secca: gli ultimi ritrovati tecnologici verificano che l’umidità non scenda sotto un certo livello, così che l’aria rimanga buona e respirabile per lunghi periodi di tempo.

Cosa fare col filtro sporco?

Naturalmente, l’accumulo di sostanze nocive all’interno del filtro del climatizzatore non è un problema da sottovalutare. Pianifichiamo pulizie accurate di questi strumenti almeno 1-2 volte l’anno, così da rendere il clima di casa uno strumento davvero efficace nella riduzione di allergeni nell’ambiente.